Istogrammi, grafici lineari, grafici a torta, infografiche complesse… quotidianamente possiamo trovare nei giornali, in televisioni, nelle pubblicazioni delle istituzioni, nei libri grafici destinati a riassumerci in poche schede realt√† complicate.

Non sempre per√≤ √® facile capire cosa i grafici rappresentano. A volte √® insufficiente la descrizione a corredo del grafico, altre ascisse e ordinate non sono etichettate in maniera esplicita. Siamo sempre di pi√Ļ chiamati a guardare ai grafici con attenzione, come abbiamo visto nella quarta lezione del corso Fisica per i Cittadini.

In questa pagina proveremo a raccogliere alcuni esempi, provando a definire il perimetro di osservazione attorno al tema Coronavirus.

I grafici di Google Trends: pizza e Coronavirus

Google Trends √® uno strumento di Google che permette di avere una panoramica rispetto alle ricerche che si fanno utilizzando il motore di ricerca Google. Questi grafici sono sempre di pi√Ļ utilizzati da ricercatori, articolisti ed opinionisti per capire i trend in un determinato momento. Ma come vanno letti?

Il grafico in Figura 1 ci restituisce l’interesse nel tempo attorno al termine di ricerca “pizza” in un intervallo tra il 3 gennaio e il 3 aprile 2020. Mentre l’asse delle ascisse √® chiaramente legato al tempo, l’asse delle ordinate √® meno intuitivo: cosa rappresenta?

Per capirlo occorre andare a leggere la descrizione proposta da Google:

”¬†Il valore 100 indica la maggiore frequenza di ricerca del termine, 50 indica la met√† delle ricerche. Un punteggio pari a 0, invece, indica che non sono stati rilevati dati sufficienti per il termine.”

Grafico Google Trends sulla parola pizza

Figura 1: Andamento dell’interesse secondo Google Trends per la parola pizza in Italia

Il termine 100 non indica quindi che per una specifica data il numero delle ricerche che hanno riguardato la parola pizza è stato pari a 100, ma solo quando, rispetto al periodo indicato, il termine ha raggiunto il valore massimo di ricerca.

Non si tratta quindi di un valore assoluto.

In Figura 2 abbiamo provato a confrontare il trend di ricerca del termine “pizza” con il trend di ricerca della parola “Coronavirus”. A confronto di quanto appena detto ecco che la curva della parola pizza appare del tutto schiacciata rispetto alle ricerche legate al termine Coronavirus. L’asse verticale delle ordinate mantiene per√≤ sempre la stessa scala.

Confronto tra il trend di ricerca della parola Pizza e della parola Coronavirus su Google

Figura 2: Confronto tra il trend di ricerca della parola pizza e della parola Coronavirus su Google

Se ci fossimo soffermati solo su Figura 1 avremmo potuto pensare alle ricerche legate alla pizza come nuovo trend di interesse prevalente per l’Italia. √ą invece, coerentemente alla situazione che stiamo attraversando, il termine Coronavirus a dominare l’interesse.

Grafici e Coronavirus

La diffusione del Coronavirus √® monitorata quotidianamente e molti sono i canali istituzionali o meno che diffondono rappresentazioni grafiche per far comprendere l’andamento dei contagi.

Letture non immediate

In Figura 3 riportiamo una tipologia di grafico utilizzata nella comunicazione della Regione Piemonte per descrivere gli incrementi di casi di Coronavirus in regione.

Esempio Grafico rappresentazione contagi Coronavirus in Piemonte

Figura 3: Una tipologia di grafico utilizzata dalla Regione Piemonte per descrivere l’incremento dei casi di CODIV-19 in Piemonte

In questo caso senza il titolo sarebbe difficile comprendere che cosa rappresentano i valori percentuali: le percentuali infatti sono sempre calcolate rispetto ad un valore assoluto che qui non √® espressamente indicato. √ą un grafico che per la sua forma discendente permette, meglio forse di altre rappresentazioni grafiche, a indicare un rallentamento dei contagi, ma l’utilizzo di valori in percentuale non lo rende immediato.

Grafici e web: quando il dato richiede l’interazione con l’utente

Oggi molte piattaforme permettono di creare grafici ricchi di informazioni o dashboard complesse online. Per riuscire a leggerle nel modo corretto e capire cosa esattamente vogliono rappresentare è importante però operare attivamente su di esse.

√ą il caso ad esempio delle mappe sulla diffusione del contagio messe a disposizione dalla Provincia di Trento in Figura 4.¬†Apparentemente sembrano non contenere informazioni chiare, ma √® sufficiente puntare sul comune desiderato e al lettore si mostra una scheda con tutti i dati del singolo territorio. Cliccando sull’immagine qui sotto si aprir√† la mappa navigabile.

Diffusione Coronavirus in Provincia di Trento, esempio di mappa interattiva

Figura 4: Dettaglio delle mappe realizzate dalla Provincia di Trento per descrivere la diffusione del Coronavirus nei singoli comuni.